You are here:

Imbiancare casa: come fare

Imbiancare casa offre un modo economico per rinfrescare l’aspetto esteriore della propria abitazione. Una nuova mano di vernice crea ambienti freschi e luminosi oppure modifica la percezione degli spazi. Questa guida spiegherà come dipingere le pareti di una stanza velocemente con risultati professionali.

1) Procedura di preparazione

Prima di dipingere una stanza occorre iniziare con il lavoro di preparazione: vediamo come procedere per la tinteggiatura interna della casa.

– Pianifica il tuo progetto

Se è necessario libera la stanza dai mobili altrimenti coprili con teli di nylon, fai lo stesso con porte, infissi, pavimenti e prese di corrente. Ispeziona le pareti che devi imbiancare per verificare la presenza di fori, crepe o altre imperfezioni. Usa lo stucco con una spatola e ripara eventuali buchi. Lascia asciugare completamente e poi utilizza un po’ di carta abrasiva a grana fine e leviga l’area trattata. Pulisci le superfici con panno umido e lascia asciugare. Prima di iniziare indossa un abbigliamento adeguato, guanti e cappellino. Riepilogando ecco cosa ti serve per imbiancare casa velocemente:

  • carta abrasiva a grana fine
  • stucco e spatola
  • teli di nylon
  • abbigliamento comodo e guanti
  • panno umido

– Quantità di vernice e scelta del colore

Per conoscere la quantità di tinta che devi acquistare è sufficiente utilizzare il “calcolatore del consumo di vernice” che ti consentirà di definire la quantità di prodotto necessario per imbiancare una superficie. Basterà introdurre le dimensioni della stanza, il rendimento della vernice e il numero di mani di tinta che prevedi di dare, tenendo conto anche delle finestre e delle porte. Per la scelta del colore non limitarti a quattro pareti della stessa tinta, considera anche la possibilità di dipingere pareti a contrasto e non dimenticare di vedere se anche il soffitto ha bisogno di una rinfrescata.

La scelta per le finiture interne sono reperibili in diverse tipi di pitture:

  • emulsioni

Sono la finitura di pareti e soffitti più diffusa, sono reperibili sotto forma liquida e in diversi colori.

  • emulsioni strutturate

Contengono all’interno particelle di materiali inerti, la loro grana è piacevole perché nascondono le imperfezioni minori che invece sono visibili attraverso le comuni emulsioni.

  • vernici

Danno finiture resistenti e durevoli nel tempo, vengono utilizzate su pareti che richiedono protezione elevata.

  • fissativo

Viene utilizzato per permettere alla tinta di fissarsi meglio sulle pareti, copre le imperfezioni e se colorato della stessa tonalità della tinta evita di fare più passate.

– Strumenti di tinteggiatura delle pareti

Le pareti possono essere dipinte utilizzando diversi strumenti:

  • pennelli


Per eseguire un buon lavoro sono preferibili pennelli larghi da 10 a 15 cm, più grandi sono pesanti e faticosi da utilizzare, quelli da 5 cm invece sono utili per tinteggiare bordi e angoli. Le setole devono essere grosse, il pennello va intinto nella pittura non più di un terzo, eliminando l’eccesso sul lato del contenitore della vernice. Per una buona copertura è necessario passare la tinta in verticale e poi in orizzontale.

  • Rulli


Con i rulli si tinteggia molto più velocemente che con la pennellessa. Per le pareti ruvide si utilizzano rulli a pelo lungo, mentre per quelle lisce o poco ruvide si impiegano rulli a pelo medio. Per pareti e soffitti i rulli devono essere lunghi 30 cm. Per caricare il rullo è necessario la bacinella, dopo averlo immerso nella pittura lo si rotola sulla parete con movimenti a zig-zag, fino a completa copertura.

  • Tamponi


I tamponi sono poco utilizzati, si caricano passandoli sul rullo inserito nella bacinella senza premerli. Per applicare la tintura in modo uniforme, si tiene il tampone piatto sulla parete e lo si muove lentamente e regolarmente in tutte le direzioni, solo con le vernici si passa verticalmente per evitare striature.

2) Tinteggiatura di pareti e soffitti

Prima di iniziare a tinteggiare pareti e soffitti è necessario munirsi di:

  • scala per raggiungere soffitti e pareti alte, per trattare grandi superfici sono più pratici i ponteggi
  • pennelli e/o rulli di differenti grandezze

Con la pennellessa piccola si dipingono i bordi a partire dagli angoli superiori della parete. Si parte da destra verso sinistra, dipingendo una superficie di 60 cmq ogni volta. Le emulsioni si applicano in orizzontale, mentre le vernici in bande verticali.

Le emulsioni, le emulsioni strutturate, le vernici e i sottosmalti sono adatti a coprire: gesso, carta da parati, mattoni, pietre, calcestruzzo e tinteggiature precedenti. Varia il tempo di asciugatura: le emulsioni essiccano dopo quattro ore, contro le ventiquattro ore delle emulsioni strutturate e le sedici ore di vernici e sottosmalti.

A fine lavoro elimina i teli e comincia a risistemare la stanza.

condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram